Giornata della Carità: Testimonianze




Domenica 7 Aprile è la Giornata della Carità organizzata dalla Caritas per ringraziare tutti quelli che ogni anno aiutano nelle varie iniziative di sostegno ai bisogni dei più poveri. Pubblichiamo di seguito una serie di testimonianze e ringraziamenti ricevuti dalla nostra parrocchia.





TESTIMONIANZA 










Testimonianza dell’aiuto ricevuto dalla Comunità della Parrocchia Nostra Signora di Valme.
Roma, 30/03/2019
Conosco la Parrocchia Nostra Signora di Valme da molti anni, da quando avevo dodici anni, ora ne ho quarantaquattro e ricordo bene il giorno in cui tanti anni fa fu inaugurata una piccola parrocchia vicino casa mia. Subito la mia famiglia ed io abbiamo avuto il piacere di conoscere Don Alfredo, Don Vittoriano e la comunità delle sorelle consacrate a Madre Trinidad. Ricordo bene la sensazione di gioia, conforto e luce che ci dava la vicinanza di questa comunità parrocchiale.
La mia storia è quella di una persona normale ma per certi versi particolare. E’ la storia di chi ha raggiunto molto e che poi ha perso quasi tutto ciò che è ritenuto importante nella vita materiale, però ho goduto di un arricchimento spirituale che sta cambiando la mia vita sicuramente in meglio. Il mio cammino familiare invece è stato molto faticoso, perché mia sorella, una creatura fragile, si è ammalata molti anni fa, quando io avevo sedici anni. Circa cinque anni fa, si è scatenata una vera bufera nella mia vita e in quella della mia famiglia. Mio papà si ammalò di cuore nel 2014. Nel 2016 non ebbi un rinnovo di contratto, per motivi che vanno al di là di me, nello stesso momento morì mio padre e contemporaneamente iniziò per me e la mia famiglia già tanto provata, un calvario per seguire continui ricoveri ospedalieri di mia sorella.
Durante questi anni la mia famiglia ed io abbiamo potuto contare sul sostegno sia materiale che spirituale della Caritas e in generale della Comunità dell’Opera della Chiesa. La comunità di Nostra Signora di Valme, ci ha accolti e sostenuti nelle difficoltà e ci ha offerto non solo un aiuto concreto, ma anche un abbraccio, un sorriso, la disponibilità di chi ti ascolta, ti aiuta e ti fa tornare nel quotidiano difficile percorso della vita con animo sollevato, di chi sa di non essere solo.
Anche quando le energie fisiche venivano meno, si sistemava tutto perché la loro preghiera e il loro pensiero facevano si che la mia anima fosse sostenuta nelle difficoltà.
L’aiuto alimentare, è un sostegno tipicamente materiale su cui si può contare, mentre il conforto dello spirito e dell’anima viene soprattutto dal poter parlare, scambiarsi opinioni, chiedere consigli e semplicemente a volte fare una chiacchierata con le sorelle consacrate, i sacerdoti, le signore della Caritas e dell’Opera della Chiesa. Devo molto e ringrazio tanti e mi scuso se qui non ci sono i nomi di tutti, però sicuramente una sorella consacrata, (il cui nome è Rosaria), ci è stata particolarmente vicina. Lei mi ha fatto un dono speciale coinvolgendomi nell’attività dell’adorazione eucaristica. Da quando ho iniziato immediatamente ho visto dei veri e propri piccoli miracoli nella mia modesta vita; a volte accadevano miracoli anche nelle condizioni di salute di mia sorella. Si trattava di un dono, di una vicinanza spirituale al corpo di Cristo che stava portando cambiamenti importanti nella mia vita; mi donava una luce diversa che portava ristoro anche a mia sorella malata. Il Signore mi accompagnava in tutto quello che facevo e mi faceva sentire che non ero sola.
Ho perso mia sorella da poco, è tornata da Gesù ed anche in questo momento così delicato io e la mia famiglia abbiamo potuto contare sul conforto sincero e profondo dei sacerdoti, delle sorelle consacrate e di tutte le persone dell’Opera della Chiesa; in molti la conoscevano, erano al corrente delle sue fragilità e l’amavano.
La parrocchia mi ha permesso di poter partecipare anche ad un’altra attività che mi ha dato tanto insegnamento e spunto di riflessione. Si tratta di un’attività di catechismo per adulti e consiste nell’ascolto di una serie di video sugli insegnamenti di Madre Trinidad, parole cariche di fervore e di Grazia di Dio, e il messaggio più bello che dà è di far vivere la Chiesa come una famiglia, la famiglia di Dio e si comprende che si ha in dono la possibilità di coltivare lo Spirito.
Ci sono ancora cose pratiche da risolvere nella mia vita, ma grazie alla comunità parrocchiale il mio spirito è più consapevole e più sereno. A volte mi sento molto stanca, però quando sono in parrocchia o con le persone della Caritas e della comunità sento che la mia forza viene rinnovata e ciò mi fa vivere meglio la giornata che ho davanti in quel momento e il cammino che sto percorrendo. E’ solo quando la mia vita è diventata così che ho capito tutto questo e che vivo della volontà del Signore e questo è un dono immenso che ho ricevuto dalla frequentazione della Parrocchia di Nostra Signore di Valme.
Un grazie sincero e un abbraccio di profondo affetto.

©2012 Parrocchia di Nostra Signora di Valme